Rebel. Il Deserto In Fiamme di Alwyn Hamilton


Buongiorno gente!!!

Domani esce finalmente "La moglie del Califfo" di Renèe Ahdieh, ed io ho già prenotato la mia copia ^_^

Per entrare nell'atmosfera del deserto vorrei recensirvi  "Rebel. Il deserto in fiamme" di Alwyn Hamilton.
Il primo libro della saga che ha fatto innamorare numerosi editori internazionali che se ne sono contesi i diritti, alla fine è Giunti ad avere l'onore di pubblicarlo in anteprima.




Amami non ha mai avuto dubbi: è sempre stata sicura che prima o poi avrebbe trovato una via di fuga dal deserto spietato e selvaggio in cui è nata. Andarsene è sempre stato nei suoi piani. Quello invece che non si aspettava era di dover fuggire per salvarsi la vita, in compagnia di un ricercato per alto tradimento. Tiratrice infallibile, per guadagnare i soldi necessari a realizzare il suo sogno Amami partecipa a una gara di tiro travestendosi da uomo. Tra gli avversari, il più temibile è Jin, il misterioso e affascinante Serpente dell'Est. Troppo tardi Amami scoprirà che Jin è un 
personaggio chiave nella lotta senza quartiere 
tra il Sultano del Miraji e il figlio in esilio, il Principe Ribelle.
Ormai nota come il Bandito dagli Occhi Blu, Amami dovrà scappare con Jin attraverso un deserto durissimo e meraviglioso, popolato di personaggi e creature stupefacenti: i bellissimi e pericolosi Buraqi, fatti di sabbia e vento ma destinati a trasformarsi in magnifici 
destrieri per chi abbia l’ardire di domarli; i Djinni, capaci di evocare straordinarie illusioni; indomite donne guerriere dalla pelle color oro e spietati skinwalker che divorano gli umani per assumerne
le sembianze… Di fronte alle rovine di una città annientata da un fuoco di calore innaturale, Amani e Jin capiranno che la posta in gioco è più alta del loro destino. E il Bandito dagli Occhi Blu dovrà decidere se fidarsi del Serpente dell’Est e unirsi alla rivoluzione…



Cercando in giro nuove letture mi sono imbattuta su questo romanzo, l'idea del YA Fantasy, mi attraeva già di per sè, e l'ambientazione mi attraeva ancora di più.
Non mi aspettavo però di trovare una grande avventura, correlata da personaggi adorabili ed atmosfere affascinanti da Mille e Una Notte.
L'autrice scrive un romanzo completamente diverso dai tipici romanzi YA a cui siamo abituati: per cominciare la protagonista non è la docile ragazza indifesa che deve essere salvata dal principe azzurro di turno, ma una giovane intraprendente, ribelle, con un talento naturale con le armi da fuoco, e la capacità di girare intorno alle cose senza mai mentire. Gli elementi fantasy sono stati introdotti con molta naturalezza, e allo stesso modo gli elementi riferiti agli usi e costumi  dell'ambiente. Molte parole rimangono in lingua originale, e in questo modo il lettore si immerge ancor di più nella lettura.

"D’istinto portai la mano allo sheema: mi si vedevano solo gli occhi tanto ero imbacuccata, e persino ore dopo il tramonto continuavo a sudare come una peccatrice in preghiera. 
Forse sembravo più un nomade sperduto che un tiratore esperto. A me bastava non sembrare una ragazza."



La cura dell'autrice nella scrittura del libro viene fuori ad ogni dettaglio, grazie a colori, profumi e ambientazioni, sembra di essere in un film.


"Inavvertitamente sfiorai appena il tatuaggio del sole sul suo petto e quella fu l’ultima cosa che vidi prima di baciarlo.
La sua mascella si irrigidì per la sorpresa, la mano mi strinse forte il braccio, quasi fino a farmi male. Poi il suo corpo si avvicinò al mio, spingendomi contro la parete del vagone.
Ero una ragazza del deserto, credevo di sapere cosa fosse il calore.
Bene, mi sbagliavo. "


Il romanticismo è presente ma non invasivo, e non intacca minimamente la storia, anche se probabilmente nei libri successivi sarà un punto più cruciale.

Intrigante, avventuroso e con quel po' di romanticismo che non guasta mai, personaggi sfrontati e un'ambientazione esotica, Rebel. Il Deserto in Fiamme è un romanzo da leggere.

Le mie valutazioni sono:





K.