Recensione: Amori dispersi di Franco Tugnoli

Buongiorno gente!!
Oggi vorrei parlarvi dell'ultimo libro che ho letto: Amori dispersi di Franco Tugnoli. Questa volta niente romance, fantasy o ya ma un buon poliziesco ambientato nella borgesia romana.



Roma, quartiere Parioli. È un torrido sabato di metà luglio e Cristina, la ragazza della stireria, deve effettuare una consegna a Muna Jabril, affascinante ex modella e fashion director della prestigiosa Classic Mode. Non puó sapere che la donna giace, morta, nel suo appartamente in un ventaglio di cristalli rotti. A condurre l'indagine viene chiamato il commissario Santopietro che, tra bellissime modelle, uomini ricchi ed enigmatici e vicine pettegole, dovrà districarsi nel patinato mondo della capitale, dipanando la matassa di relazioni che vedono al loro centro la vittima, una donna in grado di ammaliare uomini e donne... Nella sua ricerca potrà avvalersi del prezioso aiuto di sua moglie, paicologa dall'infallibile sesto senso femminile. 


Un romanzo sicuramente diverso dalle mie ultime letture, un poliziesco dai toni romanzati che mette in risalto in modo sensazionale i rapporti umani.
Tra triangoli amorosi e donne ambiziose l'autore ci conduce ad un finale che lascia senza parole. 
La cosa che ho apprezzato maggiormente è il personaggio che ci trascina nella trama: il commissario Santopietro e in particolare il sarcasmo, che mi è molto vicino, e il suo legame con la moglie, della quale non puó fare a meno e che coinvolge per ogni dubbio. 
Sicuramente un libro che consiglio agli amanti del genere!




K.

Post popolari in questo blog

#1 Giveaway - Natale 2016

Harry Potter e la Maledizione dell'Erede

Recensione - Il diavolo vince a Wimbledon