Recensione - Resta con me fino all'ultima canzone

Eccomi di nuovo!
La seconda recensione che vi propongo per rimettermi in pari è Resta con me fino all'ultima canzone di Leila Sales. Un libro di cui avevo già scritto nel blog l'anteprima e grazie alla DeAgostini l'ho potuto leggere.




Farsi degli amici non è mai stato semplice per Elise. Per sedici anni è stata ignorata, offesa, ferita.
Il bersaglio preferito di scherzi di ogni tipo. Ma adesso ha deciso di voltare pagina e prendere in mano la propria vita. Ecco perché per tutta l’estate ha osservato le ragazze più popolari della scuola: per diventare come loro e iniziare il secondo anno alla grande. Peccato però che le cose non vadano affatto come previsto. Nessuno sembra accorgersi dei suoi sforzi, ed Elise si ritrova sola. Questa volta è pronta ad arrendersi, certa che per lei la musica non cambierà mai. Ma una notte, durante una passeggiata solitaria per le vie della città, s’imbatte per caso nello Start, un locale underground che suona i brani più belli che abbia mai sentito. E proprio qui, nel posto più stravagante del mondo, in mezzo al più stravagante gruppo di persone che si possa immaginare, Elise trova finalmente quello che ha sempre cercato: la musica giusta, gli amici giusti e forse anche il ragazzo giusto. 



Un YA nel senso stretto del termine quindi, giá ve lo dico. se non siete amanti del genere lasciate stare. 
Chi, peró, ama il genere o, come me, si sente giovane dentro non puó lasciarselo scappare.
Anche perchè chi non si è mai sentito insicuro e non accettato nel corso della propria vita? Soprattutto nel periodo dell'adolescenza, dove tanti dubbi ti tormentano e se non ci si sente apprezzati si rischia di crollare.



Elise è l'esempio migliore di come la mancata accettazione di sè stessi porti a un grande dolore, che, peró, si puó sovrastare fino a cancellarlo. Per farlo basta avere una passione, e in questo caso la musica rappresenta la vera protagonista del libro, tanto che nella versione digitale si puó trovare l'intera playlist. 
Nel romanzo manca un po' la parte romanzata, la grande storia d'amore che, probabilmente, avrebbe completato la trama. Peró alla fine della storia non se ne sente poi cosí tanto la mancanza.
Nel complesso a me ha fatto molto piacere leggerlo e non posso che consigliarvelo per una lettura leggera.




K.