Recensione - Tutta la verità su Gloria Ellis

Buongiorno readers!
Torno sul blog per recensirvi un libro che mi è piaciuto molto!
Edito dalla DeAgostini potete già trovare in libreria il romanzo Tutta La Verità Su Gloria Ellis di Martyn Bedford.
Un romance YA molto diverso dai soliti, strutturato come un'intervista presso un ispettorato. Si sente quindi un sensore di thriller e poliziesco alla base molto intrigante.


30687179.jpg


Gloria Ellis ha quindici anni e odia la sua vita. Odia la stupida cittadina di provincia in cui è cresciuta, la stupida scuola che frequenta e gli stupidi amici che vede tutti i giorni. È per questo che quando nella sua classe arriva un ragazzo nuovo, un ragazzo deciso a infrangere ogni regola, Gloria se ne innamora immediatamente. In apparenza Uman è tutto ciò che lei ha sempre sognato: è brillante, sicuro di sé, imprevedibile. Ed è pronto a trascinarla in un’avventura che non conosce limiti, se non quelli del proprio coraggio. Gloria accetta la sfida e parte – senza lasciare un biglietto, senza salutare nessuno – per una folle e romantica fuga attraverso l’Inghilterra. All’inizio tutto è come lei se l’era immaginato: un’esperienza liberatoria, esaltante. Presto, però, Uman si rivela diverso da quel che sembrava. E quando Gloria se ne accorge, quando scopre la verità su di lui, si ritrova ormai molto lontana da casa. Forse troppo lontana.


Come vi dicevo sopra il romanzo ha una struttura molto particolare, cioè quello dell'intervista: infatti gira tutto attorno al racconto della protagonista Gloria all'ispettore Ryan.
Gloria era scomparsa due settimane prima e l'ipotesi dell'ispettore è quella del rapimento da parte del compagno di scuola Uman.
Peccato che la ragazza non è d’accordo con questa ipotesi e racconterà quindi la sua versione.
L'autrice ci porterà a scoprire la strada percorsa dai due giovani in queste settimane e cosa è successo a Uman.


I personaggi sono costruiti bene: nonostante la giovane età Gloria e Uman hanno questa pazzia insita in loro e, nonostante questo sono credibili (alla fine di storie su quindicenni in fuga d'amore se ne sentono abbastanza).

Molto interessante anche il personaggio della madre, ogni tanto sembra una donna disinteressata e senza comprensione per il punto di vista della figlia, altre volte invece diventa apprensiva e solidale.
Mi sono piaciute anche le varie citazioni e le location, che l'autrice ha descritto in modo tale che mi sembrasse di essere li.



Alla fine si è rivelato un romanzo adatto non solo ai giovanissimi ma anche ai grandi, grazie a questo stile così particolare.
Consigliatissimo a chiunque voglia una lettura interessante da fare sotto l'ombrellone! 



K.

Post popolari in questo blog

#1 Giveaway - Natale 2016

Harry Potter e la Maledizione dell'Erede

Recensione - Il diavolo vince a Wimbledon